Blog Archive

Written By Thoiron Ababil on Saturday, August 16, 2014 | 4:04 PM


Ed eccoci arrivati, all’ultima intervista del Moulin Rouge Project di Lesicade House, che ci ha accompagnato per tre lunghi mesi, nei meandri dell’arte. Sono stati degli appuntamenti fantastici, che potrete rivedere qui sul blog senza tanti problemi, ed oggi appunto, vi propongo il “racconto” di due giovani sorelle, Sara & Romina, in arte Parabodis, che hanno fatto del riciclo, una vera forma di arte, e che, in un modo molto particolare, hanno reinterpretato il Moulin Rouge.

Sono state simpaticissime, e si sono aperte tantissimo tra le righe di Fashion Tips Men,e per questo le ringrazio infinitamente; per cui, date una bella, e meritata lettura, all’intervista delle Parabodis!

Ciao Ragazze, raccontateci qualcosa di voi!
Ciao a tutti, siamo due sorelle ci chiamiamo Sara e Romina, volevamo presentarci singolarmente a voi visto che siamo in due per farci conoscere al meglio e farvi conoscere i nostri mondi.
Romina: Ciao sono una studentessa universitaria, ho 30 anni e per essere un po’ indipendente dai miei ho sempre lavorato come promoter, ormai da 11 anni...quanto tempo... Ho sempre avuto una vena creativa, fin da piccola. Pensa, che da bambina mi inventavo i giochi con i barattolini dello yogurt dopo aver fatto la merenda ahahahah! Ho sempre visto i miei genitori creare cose manualmente, mia madre con il cucito e mio padre appassionato della lavorazione del legno. Era destino che anche io e mia sorella mettessimo in pratica ciò che i nostri genitori hanno sempre insegnato a noi. Parabodis è la mia valvola di sfogo, mi rilassa .
Sara: Ciao a tutti, mi chiamo Sara, ho 23 anni, e sono nata a Marzo, il mese delle Primavera. Sono sempre stata molto curiosa da bimba e ahimè seguivo tutto cio che faceva mia sorella... un piccolo segreto mi facevo truccare e vestire in modi assurdi da lei per fare delle scenette e balletti a casa,facevamo le prove per il Moulin Rouge .Ho sentito la necessità dall' adolescenza di avere quei due o tre soldini per essere un po’ indipendente dai miei genitori. Ho iniziato a lavorare come promoter e ora sono diventata grazie ad un corso svolto sempre da loro un'animatrice e a far parte del gruppo affiatato dei Superanimatori un mondo che mi è sempre appartenuto fin da piccola dicevo a mia madre che sarei diventata un pagliaccetto del dottor sorriso. Anche se molto diverse ci accomuna la passione del riciclo, di dar nuova vita a qualcosa, di ricreare quel qualcosa dimenticato da tutti... e in fondo in fondo ci vogliamo pure bene e da due anni circa abbiamo fatto nascere PARABODIS, giochiamo con la nostra fantasia e creatività :P
Ci divertiamo tanto insieme, e non abbiamo un momento vero e proprio creativo, ma ci capita spesso di svegliarci la notte (abitando fortunatamente ancora insieme) per idee che ci vengono e metterci a lavoro fino a tardi le nostre camere, e il salotto di casa, sono diventati dei veri e propri laboratori
  


Quest'idea così funzionale e interessante di riciclare degli oggetti di comune uso quotidiano, come è sopraggiunta?
Sara: E’ nato tutto come un hobby per passare del tempo insieme e sfruttare la nostra creatività e fantasia; Romina ha iniziato a creare con la carta degli oggetti d'arredamento, io incuriosita mi sono avventurata a conoscere i materiali e il modo per realizzarli. In seguito essendo delle promoter Nespresso,ed essendo a contatto delle capsule ed avendo visto qualcosa creato con esse, abbiamo deciso di aggiungerle tra i nostri materiali riciclabili.
Romina: Fin da subito ho apprezzato i colori delle capsule e ogni volta che le buttavo mi piangeva un po’ il cuore e pensavo a come poterle usare. Senza rendermene conto stavo già pensando alla nascita di Parabodis.

Siete a conoscenza che le cialde del caffè sono dei prodotti che non si possono riciclare? Come reperite tale prodotto? E' semplice?
Noi usiamo le capsule del caffè della Nespresso, in realtà sono in alluminio quindi si possono riciclare infinite volte e l'azienda stessa lo fa, mentre noi le ricicliamo in modo più creativo. Come già detto entrambe siamo promoter Nespresso e anche clienti, quindi il materiale lo reperiamo maggiormente così. Abbiamo la fortuna che amici, parenti e clienti, conservano per noi le capsule usate.


Avete mai pensato di organizzare delle "classi" per bambini, basate sul riutilizzo di oggetti? Vi piacerebbe?
Si, ci abbiamo pensato e ci hanno chiesto tante volte di organizzare dei laboratori. La lavorazione delle capsule secondo noi non è molto indicata per i bambini, perché sono in alluminio e a volte sono taglianti mentre si modellano, mentre invece con la carta sarebbe interessante fare dei laboratori,per insegnare ai bambini il concetto del riciclo, naturalmente creando lavori più adatti all'età del bambino.

Che cosa realizzate con i prodotti che riciclate?
Generalmente utilizziamo la carta per decorazioni, complementi d'arredo o oggetti personali, mentre con le capsule creiamo bijouxs e accessori. Poi la fantasia spazia quindi dovete entrare nella nostra pagina Facebook e scoprire.


La tematica del Moulin Rouge, che cosa ha scaturito in voi?
Questa esperienza per noi è stata molto particolare; all'inizio quando ci hanno proposto questo progetto ci siamo trovate un po’ in difficoltà, non sapendo come collegare la nostra idea con questa tematica. Guardando il film Moulin Rouge abbiamo colto la scena in cui Satine vuole fuggire dal Moulin Rouge per scappare con Chistian, il suo amato,e in questa scena si vede una gabbia con all'interno un uccellino. Da li abbiamo pensato alla differenza tra le ballerine del Moulin Rouge di ieri e quelle di oggi, che prima erano considerate come artiste, ma solo intrattenimento, ovvero delle poco di buono, e oggi invece viste come le ballerine più brave e eleganti del tempo. Riflettendoci su, abbiamo pensato alla libertà di Parabodis di creare con materiali non convenzionali oggetti che potessero essere utilizzati in un modo diverso rispetto all'utilizzo che avevano alla loro nascita, impreziosirli e darli una nuova vita, e vorremmo che il riciclo venga visto con un'ottica diversa non qualcosa di inutilizzabile, ma qualcosa che possa rinascere... Parabodis non vuole essere rinchiuso in una gabbia, ma libero di esprimersi, di volare e di essere seguito da persone che apprezzano il loro lavoro.

Online dove vi possiamo trovare?
Abbiamo una pagina su Facebook, che seguiamo giornalmente, pubblicando foto e locandine dei vari mercatini o eventi in cui partecipiamo e le nuove creazioni Parabodis.
Potete trovarci anche su Instangram naturalmente sempre con il nome di Parabodis, e nella nostra email parabodis@hotmail.it.
 Ringraziamo con tutto il cuore Giammi per questa intervista, e per essere passato il giorno del nostro vernisage e apprezzato tanto il nostro cuoricino brillantinoso e ti auguriamo un grosso in bocca al lupo!



0 comments:

Post a Comment

Lovely Street Style© 2014. All Rights Reserved. Template By Seocips.com
SEOCIPS Areasatu Adasenze Tempate Tipeex.com